sabato 24 dicembre 2011

Primo giorno d'inverno

Non ci posso credere! L'inverno è arrivato per davvero! Dopo un autunno a dir poco tiepido, allo scoccare del 21 dicembre, esco di casa e...tac!...E' inverno: freddo pungente, auto ghiacciata, piante coperte di brina. Corro a infilarmi guanti e cappello mentre aspetto che l'auto si "scongeli" per recarmi a lavoro. In ufficio: clima adatto per un allevamento di pinguini. Accendo la stufetta al massimo e in poco tempo ricreo una piacevole atmosfera tropicale, molto più indicata per la mia condizione di animale a sangue freddo. Mancano solo i gabbiani e il frusciare delle onde!
Al momento di uscire però, inevitabilmente, trovo di nuovo il gelo. Sarà mica che mi ammalo con questi sbalzi di temperatura? Detto, fatto: il giorno seguente mi ritrovo con un raffreddore da urlo e il naso completamente tappato. Iella nera! Fra 3 giorni è Natale e io mi rifiuto di essere malata!
Per rimettermi in sesto ci vuole qualcosa di caldo e possibilmente molto godurioso: e vai con una bella polenta pasticciata! Un vero piatto da montanaro adatto anche a un re e, perchè no, anche alla tavola delle feste natalizie!

Polenta pasticciata ai funghi


POLENTA PASTICCIATA ai FUNGHI

 Ingredienti (per 3-4 persone):
250 g farina di mais (regalatami da Cocogianni)
1 bicchiere latte
450 g funghi misti surgelati
una decina di funghi champignon
2 spicchi aglio
prezzemolo fresco
Pecorino nero di Pienza
olio evo
sale, pepe nero

Lavare bene gli champignon sotto acqua corrente, asciugarli e tagliarli a fettine sottili. Lavare, asciugare e poi tritare finemente il prezzemolo. Sbucciare gli spicchi di aglio, schiacciarli col palmo della mano e farli soffriggere alcuni minuti con 2 cucchiai di olio evo in una padella. Aggiungere i funghi ancora surgelati e dopo alcuni minuti gli champignon. Salare e pepare. Far cuocere il tutto un quarto d'ora a fiamma vivace. Verso fine cottura spolverizzare i funghi con il prezzemolo tritato.
Per la polenta: in una pentola scaldare un litro di acqua insieme a 12 g di sale. Quando l'acqua bolle abbassare il fuoco e versare la farina di mais a pioggia. Iniziare subito a mescolare con un mestolo di legno in modo che non si formino grumi. Verso metà cottura (circa 25 minuti) la polenta sarà molto soda e avrà bisogno di essere ammorbidita con il latte caldo. Continuare a mescolare vigorosamente (per evitare che la polenta si attacchi al tegame) ancora per mezz'ora circa o comunque fino a che non è cotta e non ha raggiunto la consistenza desiderata. Gli ultimi minuti aggiungere un paio di manciate di pecorino a dadini: mescolare in modo che si sciolgano e insaporiscano tutta la polenta. Servire subito ben calda guarnita con fettine di pecorino molto sottili e qualche cucchiaiata di funghi caldi.
Buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest polentoso di Love at first bite

5 commenti:

  1. Non ti ammalare per carità!!! Tantissimi augroni anche a te ed ai tuoi cari per un sereno Natale :-) baci

    RispondiElimina
  2. evviva la polenta pasticciata, regala sempre molta soddisfazione !!
    buon Santo Stefano,
    Valentina

    RispondiElimina
  3. ma grazie e piacere di conoscere anche te ! la ricettina l'ho inserita! good luck :-)

    RispondiElimina
  4. gustosa ricetta complimenti ,baci e buon Anno

    RispondiElimina
  5. Ciao carissima! Passavo per farti i miei auguri di buon anno! La polenta mi piace un sacco! Pasticciata poi...che delizia!

    RispondiElimina