venerdì 29 aprile 2011

Flash di una estate spagnola

La scorsa estate, per le vacanze, io e il mio amato siamo stati a Barcellona, una città che mi ha sorpreso sotto molti aspetti: estetico, culturale e, ovviamente, gastronomico! Perchè una come me non può prescindere dal lato culinario, nemmeno quando è in vacanza, anzi!
Ciò che rendeva poco attraente Barcellona ai miei occhi credo fosse la sua fama di città casinista e festaiola, più adatta a gruppi di ragazzini che non a una coppia (seppur sempre giovane!). E invece è stato bellissimo scoprire l'arte architettonica di Gaudì, il folklore della Boqueria e delle Ramblas e poi.... la cucina!
Tapas e cerveza, paella e sangria: sapori decisi e speziati, frutto della fusione di più popoli e culture antiche in questa terra baciata dal sole e bagnata dal Mediterraneo. E poi mi ha colpita molto la convivialità dei piatti: la paella e l'arroz negro sono pietanze che vengono realizzate in grossi tegami per più persone; le tapas sono stuzzichini da gustare con calma, accompagnate da qualcosa di fresco da bere e una buona conversazione. Sembra comunque che l'importante sia condividere con altri le vivande ed è un bel modo di concepire la cucina!
Adoro immergermi nell'atmosfera del posto che visito: questo per me significa davvero vivere una città. D'altronde ho solo fatto mio il detto "Quando sei a Roma, comportati da romano"!
Ricordo una sera in particolare: per un caso estremamente fortuito, noi e un collega dell'amato, eravamo a Barcellona negli stessi giorni, perciò abbiamo deciso di vederci e fare un giro in questa bellissima città.
Ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscere persone deliziose: gentili e cordiali come raramente capita. Ci hanno fatto da guida e abbiamo scoperto ameni angoli e locali prettamente spagnoli, abbiamo potuto godere della vista notturna della città dalla terrazza sull'attico di uno degli alberghi più belli: uno spettacolo che non dimenticherò mai.
Durante questa piacevolissima serata, Rosa, simpatica compagna spagnola del collega, mi ha illuminato su alcune specialità locali e, in particolar modo, ho scoperto l'esistenza della Fideuà. Si tratta di una specie di paella ai frutti di mare solo che, al posto del riso, vengono usati i fideos, delle specie di corti spaghettini. Ci ha consigliato dove andare a gustarla e, una volta tornati in Italia, non ho potuto fare a meno di cercare di replicare tale ricetta.

A questo pensavo la scorsa settimana quando, uscita presto da lavoro, sono andata a fare la spesa e ho preso tutto l'occorrente per preparare questo delizioso e coloratissimo piatto.



FIDEUA' (per 3-4 persone)



Ingredienti:
250 g gramigna
1 kg frutti di mare misti (cozze, vongole, tartufi di mare)
3 calamari
4 scampetti
200 g palombo (la ricetta originale prevede rana pescatrice)
2 manciate di gamberetti sgusciati
10 pomodorini
3 cucchiai passata di pomodoro
1 limone
1/2 l fumetto di pesce
3 spicchi aglio
1 bustina zafferano
2 cucchiai prezzemolo tritato
mezzo peperoncino secco
paprika
olio evo
sale

Pulire i calamari e tagliargli a pezzetti. Spellare il palombo e tagliarlo a tronchetti. Sbollentare per un paio di minuti, in acqua bollente salata, i frutti di mare (così si aprono e rilasciano eventuale sabbia contenuta all'interno della conchiglia). Lavare i pomodorini e tagliarli in 4 spicchi. Spremere il limone e conservarne il succo. Scaldare 2 cucchiai di olio in una larga padella (occorrerebbe la tipica padella da paella ma io ho usato il solito wok) e farvi scottare per un paio di minuti gli scampi, poi toglierli dalla padella e tenerli in caldo.
Tritare gli spicchi d'aglio e farli soffriggere nello stesso olio insieme al peperoncino spezzettato, ai calamari, ai gamberetti e al palombo. Spolverare con un cucchiaino abbondante di paprika (in realtà servirebbe il pimentòn, una specie di paprika spagnola che però io non sapevo dove trovare), poi aggiungere i pomodorini, il passato di pomodoro, il prezzemolo tritato e il succo di limone. Salare e lasciare cucinare alcuni minuti a fiamma vivace.
Aggiungere i fideos (io ho usato la gramigna, ma vanno bene anche i capelli d'angelo, che hanno un tempo di cottura più breve) e il fumetto di pesce in cui è stato precedentemente sciolto lo zafferano.
Mescolare e far cuocere a fuoco basso per almeno 15 minuti (la pasta indicherà il tempo di cottura). Verso fine cottura aggiungere i frutti di mare, un altro cucchiaio di prezzemolo tritato e amalgamare bene il tutto. Ho aggiunto i frutti di mare con la conchiglia perchè sono più scenografici (anche se nella Fideuà che ho mangiato a Barcellona erano sgusciati) e poi perchè mi piace estrarre cozze e vongole dal loro guscio mentre mangio! Lasciare insaporire un paio di minuti su fuoco medio e poi far riposare 5 minuti a fuoco spento. Prima di servire guarnire con gli scampi scottati e alcune foglie di prezzemolo. Può essere servito come piatto unico o, se proprio si ha tanta tanta fame, come ricco primo piatto!
Buen apetito!


Fideuà


Come al solito la foto non rende giustizia alla bellezza del piatto ma non avevo molto tempo: posso assicurare che fuori campo c'era un uomo che mi minacciava con la forchetta se non mi sbrigavo a fare le foto!

Dato che sono una grande fan della cucina etnica in generale, dalla spagnola all'indiana, passando per quella messicana e mai dimenticandosi di quella cinese e giapponese, non potevo non partecipare con almeno una ricetta al contest di Cocogianni o cuocogianni? inerente proprio la cucina etnica.


5 commenti:

  1. Grezie Jeggy
    adoro la paella ma anche la Fideuà tanto che se nessuno l'avesse fatta penso che l'avrei fatta io fuori gara.
    Mi auguro che tu riesca a partecipare anche per gli altri continenti. Latitano ricette per l'Africa e per le Americhe
    Un abbraccio e, in bocca al lupo

    RispondiElimina
  2. Che padellata, sento a casa mia il profumo di mare. Bravissima!

    Irina

    RispondiElimina
  3. Ciao, proprio bello e gustoso questo piatto che fa tanto estate!!!
    Mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori, così continuo a seguirti.
    Se ti fa piacere passa a trovarmi, ho in corso anche un contest che magari potrebbe interessarti!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao passavo da queste parti...hihihi! fantastico questo piatto copio ricetta ...ciao

    RispondiElimina
  5. Ha un aspetto divino....mi sono unita ai tuoi lettori,piacere di conoscerti,a presto!
    Iaia

    RispondiElimina