giovedì 27 gennaio 2011

Ricordi


Devo dire che questo 2011 non sembra iniziato nella maniera migliore per quanto riguarda la salute: guarda caso sono a casa con l’influenza. D’altronde quando il fisico non c’è rimane ben poco da fare!
Così eccomi qui seduta davanti al monitor per cercare di finire un post che stagna nel mio pc da quasi un mese ormai e riguarda un bellissimo primo piatto che ho preparato per il cenone di fine anno: tagliolini neri al sapore di mare.
Probabilmente ho aspettato così tanto perché non ho uno splendido ricordo di quella serata, dato che poche ore dopo la cena sono stata colpita da un terribile virus gastrointestinale che mi ha reso insopportabile la sola vista di cibo per i successivi 3 giorni…  A proposito di salute di ferro!
Per chi come me ama molto il pesce questo piatto può essere considerato una valida alternativa ai classici spaghetti allo scoglio.


Ingredienti:

160 g tagliolini al nero di seppia (reperiti dal mio fido pastaio)
1 kg misto mare (cozze, vongole e fasolari)
10 code di gambero
1 grosso calamaro
3 spicchi aglio
Prezzemolo fresco
Mezzo limone
Vino bianco
Olio evo
Mezzo peperoncino piccante
Sale, pepe


Pulire e lavare bene i mitili sotto acqua corrente. Nel frattempo fare bollire acqua in una pentola in grado di contenere i frutti di mare e scottarli per alcuni minuti insieme a mezzo limone: in questo modo le conchiglie si aprono e rilasciano l’eventuale sabbia. Sentire la sabbia scricchiolare fra i denti mentre mangio frutti di mare è una delle cose che trovo più insopportabili, anche se in questo modo, probabilmente, si perde parte del sapore.
Lavare i gamberi e il calamaro, poi tagliarlo a quadratini. Chi è furbo si farà pulire il calamaro dal pescivendolo invece di far  da sé come ho fatto io: le interiora di calamaro mi hanno profondamente disgustata.
Tritare l’aglio e il mazzetto di prezzemolo, poi fare soffriggere in un grosso tegame (come al solito io ho usato il wok) insieme ad abbondante olio e al peperoncino tagliato grossolanamente. In questo caso la quantità di olio deve essere tale da evitare che i tagliolini risultino asciutti. Aggiungere i gamberi e il calamaro a pezzi e lasciar cuocere per un paio di minuti a fuoco vivace. Unire anche i frutti di mare e, dopo aver amalgamato il tutto, sfumare con un bicchierino di vino bianco. Salare e pepare a piacere e lasciare insaporire per una decina di minuti. Il condimento è sufficiente per 3-4 porzioni.
Nel frattempo cuocere i tagliolini in abbondante acqua salata (ne ho considerati 80 g a testa), scolarli al dente e farli saltare un paio di minuti con i frutti di mare. Servire subito… Che buoni!

Tagliolini neri al sapore di mare


So che in generale le mie foto non sono un granchè, ma mi rendo conto che questa è una delle peggiori che ho fatto: diciamo che è colpa di tutto il prosecco che mi ero bevuta prima di scattarla!
Buon appetito!

Aderisci anche tu alla prima "Campagna in sostegno dell'immagine verace"!!
Siamo stanchi di arista di maiale senza cellulite,
stanchi di crostate alla frutta che scintillano e risotti così opachi e compatti da far impallidire.
Rivogliamo la cucina reale, quella verace.

. . . anche perchè siamo una frana con il fotoritocco.


1 commento:

  1. mii nonostante sia orario colazione questi tagliolini li mangeremmo al volo! mmm tutti quei frutti di mare, sbav sbav!
    grazie mille per aver partecipato!

    RispondiElimina