giovedì 23 febbraio 2012

Umore nero

Sfiancata. E' così che mi sento e non ne capisco il motivo. L'anno scorso ero praticamente nella stessa situazione psico fisica isterico/scoglionata ma avevo dato la colpa alla lunghissima degenza del maschio alfa infortunato. Quest'anno invece? Non sarà colpa proprio del periodo dell'anno? Gennaio e febbraio (fino a ora) sono stati tremendi: triste periodo post natalizio, senza un guizzo, lavoro a ritmo serrato, tempo grigio e freddissimo da letargo. Sfido anche la persona più solare a sentirsi in piena forma con queste premesse. E' vero, a volte succede: è un periodo stanco che mi ha tolto molta voglia di fare anche se non in cucina, dove continuo, malgrado lo scoglionamento, a produrre, non fosse altro che per la sopravvivenza!
In questi momenti sono i comfort food a salvarmi o perlomeno a rinfrancarmi un po' lo spirito. In particolar modo nell'ultimo periodo apprezzo le zuppe: calde, morbide e confortanti.
Questa è una ricetta antichissima, tipica toscana, che ha nutrito e sostenuto generazioni e generazioni di contadini: se andava bene per loro perchè non dovrebbe andare bene anche per me?
Ingredienti semplici, del territorio, ma di eccellente qualità, una lunga e lenta cottura, un sapore pieno e appagante per il freddo della sera. Il cavolo nero deve essere stato raccolto dopo qualche "gelata" notturna altrimenti risulta troppo duro e fibroso (quest'anno nessun problema: lo ha raccolto mia suocera dall'orto dopo il freddo siberiano!), la farina di mais è di quella buona che mi ha mandato Gianni, i fagioli acquistati freschi a settembre da un coltivatore locale e poi congelati.
A casa dei miei da sempre aleggia questo mito della farinata, tanto buona e tanto lunga da preparare: finalmente mi sono cimentata e il risultato non mi ha deluso. Probabilmente è stata l'ultima zuppa di questo lungo inverno: le giornate finalmente si allungano e da ieri riesco persino a vedere il sole! Inizierò a pensare alla primavera e ai suoi colori tenui: magari con il sole tornerà anche il buonumore e un po' di energia.

Farinata di cavolo nero


FARINATA di CAVOLO NERO

Ingredienti (per 3 porzioni):
500 g cavolo nero (crudo, da pulire)
4 cucchiai abbondanti di farina di mais
300 g fagioli (per me varieta Montalbano, congelati freschi)
2 cipolla piccole
1 spicchio aglio
salvia fresca
olio evo
sale, pepe nero

Per prima cosa occorre lessare i fagioli: metterli (ancora congelati nel mio caso) in una capace pentola con abbondante acqua fredda insieme ad una cipolla intera sbucciata, lo spicchio di aglio sbucciato e alcune foglie di salvia. Far prendere il bollore, poi abbassare il fuoco al minimo, salare, incoperchiare lasciando uno spiraglio per far fuoriuscire il vapore e cuocere per almeno un'ora (se si usano fagioli secchi il tempo di cottura aumenta) o almeno fino a che non sono morbidi. Questa operazione può essere fatta anche il giorno prima, anzi, forse è meglio.
Tritare una cipolla e farla soffriggere con 3-4 cucchiai di olio.
Passare i fagioli al passaverdure o frullarli con un pimer (come ho fatto io...non ho il passaverdure) e aggiungere la purea alla cipolla quando è ben appassita. Salare e aggiungere anche un po' d'acqua di cottura dei fagioli, poi far prendere il bollore. Nel frattempo lavare e pulire il cavolo eliminando una ad una le coste centrali delle foglie. E' un lavoretto abbastanza tedioso, non lo nego!
Aggiungere le foglie di cavolo spezzettate alla purea di fagioli: appena sono appassite aggiungere anche la farina di mais e mescolare velocemente in modo che non si formino grumi. Lasciar cuocere a fuoco basso mescolando ogni 5-10 minuti e aggiungendo poca alla volta l'acqua di cottura dei fagioli calda in modo da avere sempre una consistenza semiliquida. Occorre un'ora abbondante di cottura: la consistenza deve essere cremosa e il cavolo deve essersi sfaldato quasi completamente. A fine cottura aggiustare di sale, pepare leggermente e servire calda con un filo di olio evo. Da leccarsi i baffi!
Buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest di Fiore di cappero

4 commenti:

  1. e io i baffi me li faccio spuntare per leccarmeli, questa ricetta è di un buono strepitoso! Baci

    RispondiElimina
  2. che buona jeggy!!!le zuppe mi piacciono tanto, in particolare con ingredienti nuovi, me la sono segnata la voglio provare!!! concordo con il periodo di scoglionamento, anche per me gen e febr sono i mesi più brutti dell'anno, finalmente si vede la fine1!!

    RispondiElimina
  3. Lasciam perdere.. se ti elggi il mio post di oggi..s to nella tua stessa situazione.. Ottima la tua zuppa..d evo ancora trovarlo il cavolo nero.. baci e buon w.e. :-D

    RispondiElimina
  4. IO me la segno in attesa di trovare il cavolo neroo! Troppo gustosa! E se poi tu mi confermi che riesce anche a scacciare via lo "scoglionamento", mi farò una scorta!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina