sabato 25 aprile 2015

Un dolce da favola

Mentre tutto il mondo vegetale e animale si risveglia con le miti temperature primaverili, io dormo.
Spuntano i germogli, fioriscono gli alberi e io mi appisolo appoggiata allo stipite della porta. Gli uccellini nidificano e cinguettano ovunque e i miei occhi si chiudono mentre sono a lavoro.
Le giornate sono meravigliosamente luminose e io sbadiglio come se non ci fosse un domani.
Se per il regno animale il letargo inizia con l'autunno, per me il periodo del sonno è certamente la primavera. Al primo accenno di tepore cado addormentata come nemmeno Biancaneve dopo aver morso la mela e potrei ronfare in ogni dove, tanto da far invidia alla Bella Addormentata.
Se in entrambi i casi il risveglio è stato opera di un bacio dell'agognato principe, per quanto mi riguarda non è necessario scomodare nessun reale erede: datemi una creme brulee e i miei occhi (e le mie fauci) si spalancheranno immediatamente al primo "Crock" della crosta di caramello rotta dal cucchiaino!
Un bacio....tsè! In certi momenti meglio una meravigliosa crema vellutata e voluttuosa, racchiusa da un goloso scrigno dolcemente ambrato! (Oddio....speriamo che il maschio alfa non legga questo post!)

Questa è la mia personale versione di creme brulee e la trovo stratosferica: la ricetta della crema è di Montersino, senza farina ma con amido di mais e di frumento come addensanti, che non formano grumi e non lasciano retrogusto. Contiene panna, che la rende estremamente morbida e goduriosa oltre che ipercalorica (ma per una volta chissenefrega: non è che la crema sia dietetica per definizione!). Mi piace aromatizzata alla vaniglia, che può comunque essere omessa se non la si gradisce.
Nota: obbligatorio il cannello da pasticciere. In passato ho provato a creare la crosta di caramello sotto il grill del forno ma il risultato è stato a dir poco deludente. Ringrazio pubblicamente il maschio alfa per avermelo regalato a Natale!


CREME BRULEE

Ingredienti (per 4-6 porzioni):
100 g di tuorli (corrispondenti a circa 4 uova)
100 g zucchero semolato
300 g latte intero
100 g panna fresca
16 g frumina (amido di frumento)
16 g maizena (amido di mais)
1 bustina di vanillina
zucchero di canna

Montare i tuorli con lo zucchero a lungo con le fruste elettriche fino a che non sono chiari e molto gonfi. Aggiungere la frumina e la maizena setacciate e continuare a montare per alcuni minuti fino a che il composto non è omogeneo.
In una pentola portare a ebollizione il latte, la panna e la vanillina a fiamma bassissima; a questo punto versarvi il composto di tuorli mescolando con una frusta. Quando la crema inizia a sobbollire e ha raggiunto la consistenza desiderata (deve velare il cucchiaio), spengere il fuoco e versarla nelle ciotoline individuali. Con queste dosi possono venire dalle 4 alle 6 porzioni in dipendenza della grandezza dei contenitori usati. Coprire ogni ciotolina con pellicola a contatto con la crema fino a che non è completamente fredda (in questo modo si evita la formazione della crosta secca sulla crema). Quando la crema è fredda togliere la pellicola, cospargere la superficie con abbondante zucchero di canna e caramellare la superficie con l'apposito cannello da pasticciere fino a che non ci sono più grumi di zucchero e si è formata una crosta di delizioso caramello brunito. Aspettare 1 minuto per far solidificare il caramello prima di servire.
Buon appetito!

8 commenti:

  1. Non dirlo a me... dormirei sempre in questo periodo.. il clima mite.. concilia il sonno! Ottima la creme brulee.. non so dire se mi piace di più rispetto alla crema catalana.. Devo farmi regalare il cannelloooooo.. baci e buon sabato :-)

    RispondiElimina
  2. Jeggy, mi fai sempre ridere di gusto! Ottima la crema ma mi manca il cannello. Prossimo regalo??
    amelie

    RispondiElimina
  3. Anche io non ho questo accidente di cannello, toccherà comprarlo.... un bacione e grazie per la ricetta, quella intanto me la salvo!

    RispondiElimina
  4. Ciao Jeggy, prova il popettone di fagiolini, sono sicura che ti piacerà. Bacioni

    RispondiElimina
  5. Anch'io appartengo alla tua stessa categoria...i primi caldi mi buttano giù e sono perennemente stanca!!Di sbadigli non ne parliamo!
    Confermo: anch'io ho provato ad utilizzare il grill, ma non è la stessa cosa, il cannello è necessario!!un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  6. A casa mia la crema piace un sacco, mi sa che dovrò proporla in questa versione prima o poi!!! Buon week end

    RispondiElimina
  7. Ciao, complimenti per questa creme bruleè.
    Mi sono unità ai tuoi lettori fissi, ti aspetto su www.idolcidigrazia.blogspot.com.
    A presto!

    RispondiElimina