venerdì 3 aprile 2015

Telefonia vintage

"Quello è il tuo telefono?"
"Ehm...si. Perchè?"
"Davvero??!! E funziona?"
"Si! Funziona bene per telefonare e mandare sms."
"Perchè non ne compri uno nuovo super-accessoriato: ora costano così poco! Cioè, non hai nemmeno Whatsapp! Ma come fai????"

Non passa settimana che io non mi trovi coinvolta in simili conversazioni con amici, parenti, conoscenti, perfetti sconosciuti che spesso assumono espressioni tra il serio e il faceto passando per lo sbigottito e lo schifato, neanche si trattasse di un'arma batteriologica.
No, non ho uno smartphone e me ne vanto anche se sembra che non possedere cotali prodigi tecnologici mi releghi nella casta dei paria sociali o dei malati di mente.
Il  mio antichissimo Nokia rosa mi piace ancora, benchè graffiato e scolorito, è piccolo tanto da entrare in una pochette, funziona e non ho nessuna intenzione di cambiarlo prima della sua morte naturale. Diciamo che sono contraria all'obsolescenza programmata.
Inoltre vorrei proprio sapere a chi, tra i tanti detrattori del mio anziano telefonino, la batteria del fighissimo smartphone dura 2 giorni!!!

Per rimanere a tema oggi ricetta vintage; un classicone molto anni '80: gli gnocchetti agli scampi. Da piccola li adoravo e ne facevo delle scorpacciate incredibili!
Scommettiamo che nessuno ha il coraggio di dire che non sono buoni perchè la ricetta è vecchia e superata?





GNOCCHETTI agli SCAMPI

Ingredienti (per 3 persone):
500 g gnocchetti di patate
15 scampetti freschi
passata di pomodoro
panna fresca
peperoncino (facoltativo)
1 spicchio d'aglio
100 ml di vino bianco
prezzemolo
olio evo
sale

Lavare gli scampetti e asciugarli. Staccare loro la testa e incidere il carapace sul dorso con le forbici (per eliminare l'eventuale filamento nero), poi eliminare le zampette e tagliare la coda a tocchetti mantenendo il guscio. Personalmente preferisco mantenere il guscio perchè ritengo che la polpa rimanga più morbida e umida ma chi preferisce può eliminarlo del tutto e usare solo la polpa. In un tegame soffriggere per un paio di minuti 3-4 cucchiai di olio evo con uno spicchio di aglio tritato e poco peperoncino secco (facoltativo). Attenzione a non far abbrustolire l'aglio. Porre nel tegame i pezzi di scampetti insieme alle teste che, cuocendosi, daranno ancora più gusto al sughetto e lasciare rosolare tutto alcuni minuti. Salare e sfumare con il vino bianco. Aggiungere la passata di pomodoro, abbassare il fuoco e lasciare cuocere una decina di minuti. A fine cottura aggiungere anche la panna e aggiustare eventualmente di sale. Il condimento non deve asciugarsi troppo.
Nel frattempo far bollire abbondante acqua salata in una pentola e cuocervi gli gnocchetti fino a che non vengono a galla (occorrono un paio di minuti al massimo): a questo punto scolarli delicatamente con la schiumarola e gettarli nel sughetto di scampi. A fuoco acceso mescolare delicatamente gnocchetti e sugo per amalgamare, cospargere con prezzemolo tritato e servire subito.
Buon appetito!

8 commenti:

  1. che primo saporito, ne gradirei volentieri una forchettata!!!!Sai che anch'io fino alla settimana scorsa ero come te, non volevo saperne dello smartphone, sono pero' riuscita a farmi convincere dai miei figli, sai lo usano piu' loro di me!!!!Buona Pasqua a te e alla tua famiglia!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Ahahaahahah m'hai fatto morire.... E' vero la durata della batteria dei telefoni classici non si batte!!!! ricordo mi durava oltre 3 giorni.. e ora.. con il mio smartphone a malapena arrivo a sera hihih.. Ottimi i tuoi gocchetti.. Buona Pasqua cara :-)

    RispondiElimina
  3. Wow ma che spettacolo!!! Cosa darei per un piatto di questi gnocchi...In quanto al discorso telefonico...eheheheh, ci siamo passate tutte ma prima o poi tocca...però caspita davvero non dura un tubo la batteria! Senza nemmeno usarlo (o quasi) ogni sera mi tocca metterlo sotto carica...cosa non si fa x essere al passo coi tempi! :-) Bacio cara e buona Pasqua!

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il primo gustoso e per la sincerità! Fai bene a tenere il tuo telefono obsy se ti trovi bene perché cambiare?
    Felice e serena Pasqua
    amelie

    RispondiElimina
  5. Grande.... anche io adoravo il mio "nokino" nero ma per lavoro mio marito li cambia spesso e a me da i suoi vecchi. Piatto invitante e nuovo per me.

    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Anch'io ho un Nokia, vecchissimo, non fa nemmeno le foto, ma funziona benissimo e non voglio farmi tiranneggiare da internet anche quando il pc è spento... e questi gnocchetti sono deliziosi! Ancora auguri, bacioni :)

    RispondiElimina
  7. Per me il telefono deve essere una semplice comodità, utile all'occorrenza. Non sono fissata con le nuove tecnologie, mi basta che funzioni per le mie necessità.
    CHe fame mi metti con questi gnocchetti! Bacioni.

    RispondiElimina