sabato 17 marzo 2012

Le regole d'oro

Dopo la sfuriata di cavoli della settimana scorsa, ecco che mi trovo a postare la seconda ricetta di fila che vede come protagoniste le cipolle. Di nuovo? Di nuovo! Inizio a pensare di essere monotematica a tratti, ma in fondo che ci posso fare se vado a fare la spesa e non riesco a trattenermi di fronte a delle belle cipolline borettane fresche? Inoltre le cipolle mi piacciono proprio tanto, in tutte le possibili declinazioni, sia cotte che crude (con buona pace di chi mi circonda dopo che le ho mangiate).
Per non incorrere, o almeno cercare di limitare il più possibile le figuracce derivanti dalla fastidiosa e persistente alitosi che ne segue il consumo, personalmente mi limito a seguire almeno una delle regole sotto elencate:

- Evitare le cipolle nelle ore che precedono un qualunque evento sociale può essere considerato come un segno di educazione e rispetto, anche se potrebbe essere una valida strategia per tenere lontani personaggi indesiderati! In questo senso è sempre bene informarsi prima su chi sarà presente!

- Evitare le cipolle durante il suddetto evento sociale: mangiare cipolle in pubblico talvolta è considerato poco chic (forse è per questo che tendo sistematicamente a ignorare questo buon consiglio: non mi sento per niente a mio agio nelle vesti della snob elegantona).

- Se proprio non si riesce a contenersi di fronte a una zuppa di cipolle o a una rossa di Tropea, costringere tutti i presenti a ingurgitare cipolle: se tutti emanano miasmi cipollosi, nessuno ci farà caso (strategia più volte adottata, e con gran successo, con il maschio alfa che, per mia fortuna, è una grande estimatore di cipolle & Co.).

- Avere sempre in borsa una nutrita scorta di chewinggum alla menta. Basta non esagerare con il loro consumo per non rischiare l'effetto cammello-che-biascica.

-Beh...lavarsi spesso i denti (banale!)


Cipolline alla birra


 CIPOLLINE alla BIRRA

Ingredienti:
650 g cipolline borettane fresche
50 g pancetta tesa
2 spicchi aglio
4-5 foglie salvia fresca
100 cc birra chiara (lager)
olio evo
sale, pepe nero

Lavare le cipolline e ripulirle dal ciuffo di barbe. Disporle in una teglia di ceramica unta di olio e condire le cipolline con sale, pepe nero (preferibilmente appena macinato), le foglie di salvia lavate e spezzettate grossolanamente, gli spicchi d'aglio sbucciati e tagliati a fettine e la pancetta tagliata a dadini piccoli. Infine irrorare con la birra e infornare a 180°C per 30 minuti circa: la birra deve essere quasi completamente evaporata e le cipolline devono essere morbide. Servire calde o tiepide per accompagnare carne alla griglia o arrosto.
Buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest di Pane e pomodoro e Photobirra





5 commenti:

  1. Ciao Jaggy, sai che le tue regole sono davvero simpatiche, per non dire utili, grazie x essere passata, un abbraccio Giancarla

    RispondiElimina
  2. complimenti , buona domenica , ciao

    RispondiElimina
  3. Terrò a mente tutti i consigli, visto che le cipollette piacciono anche a me! Baci a presto

    RispondiElimina
  4. La mia bisnonna mi preparava sempre la cipollata e destino vuole che sempre quando avevo un appuntamento, come facevo a rifiutarmi?? Le tue regole d'oro mi sarebbero state davvero utili eheheheh
    Comunque bellissima questa ricetta, anche a me piacciono tanto le cipolline e mi ricorderò di questa versione..
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  5. E noi le abbiamo provate!
    http://paneepomodoro.wordpress.com/2012/04/19/una-cena-tra-amici-e-le-vostre-ricette-sulla-birra/

    RispondiElimina