venerdì 9 marzo 2012

Cavoliamo!

In casa continua l'opera di eliminazione Crucifere: dopo le polpette, vari contorni e una vellutata stavolta tocca ad una sorprendente torta salata. Sorprendente perchè la salsa di noci ci sta di un bene incredibile, benchè non fosse altro che un avanzo di frigo da smaltire. Infatti, come molte torte salate che preparo, anche questa ha come ingredienti ciò che il frigo offriva in quel momento. Nessuna premeditazione, solo un rotolo di pasta sfoglia in odore di scadenza (sempre dono della mamma che pensa sia al limite dell'anoressia nonostante la mia atavica lonzina), avanzi di verdure cotte al vapore, un po' di salsa, del formaggio morbido e dello yoghurt, anch'essi sull'orlo di fare harakiri, gli ultimi pomodorini per decorare, poi, si sa, uova e formaggio non mancano mai e il gioco è fatto.
E poi, diciamo la verità, i cavoli sono uno di quegli alimenti-medicine che fanno veramente bene a tutto l'organismo, sono rimineralizzanti e ipocalorici. Inoltre ormai è stato provato che svolgono pure una efficace prevenzione verso i tumori intestinali. Perciò ben vengano i cavoli e facciamone una bella scorpacciata con questa quiche dal ripieno goloso!

Quiche con cavolfiore e crema di noci


QUICHE di CAVOLFIORE e NOCI

Ingredienti:
1 rotolo pasta brisè
mezzo cavolfiore cotto al vapore (o lesso)
1 patata cotta al vapore (o lessa)
125 g crescenza
125 ml yoghurt bianco magro
2 uova
salsa di noci
formaggio grana
5 pomodorini
noce moscata
sale, pepe nero

Spaccare il cavolfiore lavato in piccole cimette. Tagliare la patata a dadini piccoli. Mescolare le verdure in una ciotola insieme alla crescenza, lo yoghurt, le uova, 3 cucchiai abbondanti di salsa di noci, una presa di sale, un pizzico di noce moscata e di pepe nero. Adagiare la pasta brisè con la sua carta in una teglia tonda e versarvi l'impasto preparato, livellare con una spatola e cospargere con abbondante grana grattugiato (così in forno si forma la crosticina!). Guarnire con i pomodorini lavati e tagliati a metà.



Infornare a 180° C per almeno 45 minuti nella parte centro-bassa del forno (l'impasto è umido e se non si segue questo accorgimento, che comunque vale per tutte le quiche, si rischia di avere la pasta sfoglia ancora un po' cruda sotto). Lasciare raffreddare almeno 15 minuti dopo la cottura se si vuole evitare un'ustione di terzo grado alle papille gustative! Ovviamente è buona anche il giorno successivo.
Buon appetito!

 Partecipo all'iniziativa "Anarchy in BB" della Banda dei broccoli, perchè, oltre alla cucina, la lettura è un altro dei miei passatempi preferiti (e un buon libro è sempre utile).
Il libro che ho scelto è Il segreto di Mary la cuoca (anche se non ho ancora avuto il tempo di leggere Kitchen confidential dello stesso autore!!).

4 commenti:

  1. Si sa.. che le migliori torte salate nascono così.. con ciàò che si ha in frigo! Ottima la tua.. ammazza! baci e buona domenica :-)

    RispondiElimina
  2. una ricetta deliziosa ed invitante , ciao

    RispondiElimina
  3. Mi sembra che la guerra coi cavoli la stai vincendo alla grande! Un abbraccio, buona settimana

    RispondiElimina
  4. molto interessante questa ricetta!
    grazie per aver partecipato
    a presto ^_^

    RispondiElimina