mercoledì 25 gennaio 2012

Da bosco e da riviera

E' il terzo giorno infernale della seconda settimana di fuoco a cui sono sottoposta in questo gennaio lavorativo. Non so se è perchè ancora non mi sono ripresa dalle vacanze natalizie o se improvvisamente tutti si sono risvegliati e hanno deciso che ci sono un sacco di cose da fare. Ovviamente gli altri decidono...io sono il braccio esecutore! Corri di qua e di là, va a finire che per far tutto esco di casa con il buio e rientro che il sole è già tramontato da un pezzo. Una stanchezza incredibile, che non provavo da un sacco di tempo: per cercare di riprenderemi ho trascorso il weekend praticamente in catalessi, stravaccata sul divano, complice anche un tempo grigio e triste che mi ha resa ancora più apatica e sonnolenta. Solo domenica pomeriggio ho avuto un guizzo di vitalità grazie a un paio d'ore di shopping in buona compagnia: il miglior antistress che conosco! E per il resto del tempo che faccio? Mica posso andare in letargo in un centro commerciale!
Per fortuna conosco un metodo antistress più economico: tenere la mente impegnata non costa niente! Allora per sopravvivere assumo la mia tipica espressione assente e mi lascio cullare da dolci ricordi. E cosa c'è di più gratificante che pensare all'estate per contrastare tutto questo grigiume?
Mi ricordo quando in agosto i miei mi portavano in vacanza a Tirrenia: il sole, il gruppo di amici con cui fare bisboccia e giocare a beach volley, la sabbia e il mare. Adoravo abitare per un mese l'anno nelle vicinanze del mare, anche solo per l'odore di salmastro. Mano a mano che ci si avvicinava a Ferragosto tutti iniziavano a fremere, chi per l'eccitazione di poter fare gavettoni, chi per la paura di doverli subire. Tutti. Tranne io, la pecora nera, a cui non era permesso festeggiare in spiaggia con gli amici. Mentre gli altri si attrezzavano con pistole ad acqua e secchi io passavo in rassegna il guardaroba per decidere cosa indossare al tradizionale faraonico pranzo familiare di Ferragosto. Se qualcuno crede che una temparatura tra i 35 e i 40° C possa scoraggiare il mio parentame dallo strafogarsi con almeno 5 portate, si sbaglia di grosso! Il che significa che per quel giorno potevo tranquillamente dimenticarmi di fare il bagno, onde evitare una sicura congestione. Il lato positivo della situazione? Il cibo, naturalmente!
In una di queste occasioni andammo in un piccolo ristorante all'aperto sulle colline di Livorno. Soffiava una leggera brezza e la vista del mare dall'alto era mozzafiato. Non ricordo tutto quello che mangiammo, ma ricordo perfettamente questi tagliolini con pesto e cicale, che nel corso degli anni sono diventati un classico in casa mia. Posso assicurare che il tocco di "terra" dato dal pesto si abbina meravigliosamente alle cicale, un crostaceo forse un po' sottovalutato ma di gran gusto (e più economico degli scampi).


Tagliolini con pesto e cicale


TAGLIOLINI con PESTO e CICALE

Ingredienti (per 2-3 persone):
250 g tagliolini all'uovo
10 canocchie (o cicale) freschissime
150 g pesto alla genovese
2 spicchi aglio
1/2 bicchiere vino bianco
olio evo
sale, pepe nero

Sbucciare e schiacciare gli spicchi d'aglio e farli soffriggere qualche minuto in un largo tegame con 2-3 cucchiai di olio evo. Fare attenzione che non brucino. Lavare le cicale sotto acqua corrente e tagliarle in 3 pezzi con le forbici. Eliminare l'aglio dal soffritto e aggiungere le cicale. Salare, pepare e dopo un minuto alzare la fiamma e sfumare con il vino. Dopo che il vino è quasi completamente evaporato aggiungere il pesto e mescolare. La cottura è velocissima e non bisogna eccedere altrimenti il pesto si asciuga troppo. Cuocere i tagliolini in acqua bollente salata e appena scolati farli saltare un minuto nel condimento di pesto e cicale. Servire immediatamente.
Buon appetito!

Ho appena ricevuto un premio da Carla che mi ha fatto immensamente piacere e mi ha molto risollevato il morale dopo queste giornate così stancanti. E poi essendo verde si abbina bene pure ai miei tagliolini! :-P


Ecco le 7 cose che voglio condividere:
1) I miei libri
2) la mia voglia di viaggiare
3) la pallavolo
4) la casa che divido con il maschio alfa
5) un tramonto sul mare
6) la speranza di un futuro sempre migliore
7) una gran risata

Giro questo premio a:
Claudia
Serena
Marcella
Alessandra
Vale
Gloria
Max
Natalia
Iaia
Lory
Franca
Matteo
Gianni
Vale
Stefania

11 commenti:

  1. Ottimissima ricetta... le cicale son ottime.. danno un sapore pazzesco!!! mi piace l'abbinamento con il pesto! Grazie per il premio/giochino.. ma siccome è più di 1 anno che posto premi.. mancherei di correttezza postando ora questo.. Non ti offendere ok? lo accetto molto volentieri... :-D smackkk

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima e GRAZIE GRAZIE GRAZIE per il premio, mi ha fatto tanto piacere riceverlo e domani lo pubblico subito..sono felicissima!!! E ti assicuro che siamo in due ad essere esauste, vivo la settimana quasi aspettando il weekend così da andare in catalessi anche io ahahha!! Comunque complimenti anche a te per il premio e per la ricetta! smack smack

    RispondiElimina
  3. Grazie per il premio, ma accetterei volentieri quel piatto di tagliolini che secondo me sono straordinariamente saporiti...ottimo il metodo antistress!!! abbracci e grazie ancora, ciao.

    RispondiElimina
  4. Grazie per il premio molto gradito ^_^ e complimenti per questa ricetta che trovo molto estiva e con il gelo di questi ultimi giorni ci vogliono proprio tanti pensieri estivi.....almeno a me che adoro la bella stagione e che non vedo l'ora di mettere via maglioni e giacconi pesanti. Bravaaaaa!!!! Smack!!!

    RispondiElimina
  5. Complimenti per la ricetta!io adoro le canocchie, che spesso "ingurgitavo" preparate da mio zio Otello in quel di Rimini....con il pesto nei tagliolini devono essere super buoni!
    Grazie mille per il premio, mi fa molto ma molto piacere!
    A presto, Matteo

    RispondiElimina
  6. Grazie infinite cara Jeggy,sei molto cara,vado subito a postarlo,un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. complimenti bella e buona ricetta ,abbinamento perfetto ,ciaoo buona giornata ...ti seguo

    RispondiElimina
  8. Oggi siamo di nostalgia tutte e due...Hai ragione cicale e pesto sono meravigliosi insieme! Bacio buon we

    RispondiElimina
  9. Grazie mille Jeggy!!! Grazie per aver pensato a me sei sempre cara! Buon weekend!

    RispondiElimina
  10. Grazissime Jeggy!!! bellissima ricetta, grazie per avermi pensata!!

    RispondiElimina