martedì 9 ottobre 2012

Mal comune, mezzo gaudio?

Quando, una delle prime mattine di autunno, il maschio alfa si sveglia e ti comunica con voce gracchiante che ha un po' di mal di gola, tu sai già che ne pagherai le conseguenze molto presto. Detto, fatto: stamattina mi sono alzata con la gola in fiamme, naso tappato, voce da oltretomba e aspetto da sopravvissuta a una esplosione nucleare. Penso che chiunque abbia inventato gli zombie si sia ispirato a qualcuno con un pesante raffreddore! Siamo una bella coppia... non c'è che dire! Quando eravamo più giovincelli e rampanti la sera brindavamo con mojito e cosmopolitan: ieri sera ci siamo guardati negli occhi lucidi semi-influenzati e abbiamo amabilmente condiviso una aspirina effervescente prima di andare a dormire. Le nuove frontiere del romanticismo!
Con la difficoltà di respirazione anche mangiare diventa faticoso, quindi cosa c'è di più adatto di una calda e corroborante zuppa? Questa versione è sempre stata preparata da mia mamma ma devo ammettere che sono molto soddisfatta del risultato. Semplice e buona: un vero toccasana.



ZUPPA di CIPOLLE


Ingredienti (per 4 persone):
4 cipolle bianche
1 carota
1 costola di sedano
1 patata
2 spicchi d'aglio
prezzemolo
3 cucchiai farina integrale
noce moscata
olio evo
sale, pepe nero

pane toscano
Formaggio Asiago (o pecorino fresco)

Preparare un brodo vegetale con la carota raschiata, la patata sbucciata, la costola di sedano, una cipolla, un mazzetto di prezzemolo e un litro e mezzo di acqua. Lasciare sobbollire un paio d'ore. Nel frattempo affettare le restanti cipolle e soffriggerle con 4 cucchiai di olio, gli spicchi d'aglio sbucciati e schiacciati e poca acqua (in modo che non si brucino) fino a che non sono morbide. Salare e pepare a piacere durante la cottura.Quando il brodo è pronto frullare tutto con il pimer a immersione e tenere in caldo. Scaldare una pentola e tostarvi la farina a fiamma alta per un paio di minuti al massimo, poi iniziare ad aggiungere gradualmente il brodo caldo mescolando velocemente con una frusta perchè non si formino grumi. Una volta terminato il brodo aggiungere le cipolle stufate (dopo aver eliminato gli spicchi d'aglio) e lasciare insaporire una decina di minuti a fiamma media. Aggiungere una macinata di noce moscata e aggiustare di sale.Servire calda accompagnata con crostini di pane toscano farciti con qualche fettina sottile di formaggio e tostati in forno 5 minuti. Io ho usato l'Asiago, che ci stava splendidamente (il connubio cipolle-formaggio? Godurioso!), ma credo che anche un pecorino poco stagionato sarebbe un valido sostituto.
Buon appetito!

13 commenti:

  1. E che amore è se non di si divide l'aspirina??? Ahahahah, sei troppo forte Jeggy ed è per questo che mi piace passare a trovarti!! La zuppa deve essere deliziosa, mi sa che anche qui è giunto il momento d piatti caldi e corposi come il tuo, che delizia!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  2. mi hai fatto sorridere Jeggy,come si dice:assieme nel bene e nel male,nella gioia e nella malattia...ecco,qualcosa lo sapevano quando si sono inventato questo....mi dispiace per il vostro raffreddore,ti mando un abbraccione ....zuppa super gustosa che riscalda il cuore.)

    RispondiElimina
  3. la zuppa di cipolle è un classicone, con questo inizio di autunno ci sta proprio bene... promossa a pieni voti!

    RispondiElimina
  4. ...non parliamo di quando gli uomini sono malati...una vera tragedia!
    Questo piatto scalda il cuore, lo stomaco ed è altamente terapeutico...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Ma che buona la tua zuppa!! cmq capisco benissimo ciò di cui parli.. quando Ric s'ammala.. io tremo.. già so cosa m'aspetta nei giorni a seguire.. baci :-)

    RispondiElimina
  6. ormai è arrivata l influenza complice anche gli sbalzi di temperatura.ottima questa zuppa, decisamente si!

    RispondiElimina
  7. Adoro la zuppa di cipolle!!!!! In bocca al lupo per l'influenza!

    RispondiElimina
  8. E allora, da buona vicina di casa, posso solo dirti benvenuta tra i miei amici ...
    Visto che abitiamo vicine, ci potremmo anche incontrare, qualche volta ...
    a presto
    Aurelia

    RispondiElimina
  9. Auguri Jeggy, spero che tu stia meglio! Certo che la zuppa della mamma fa resuscitare, deve essere buonissima. Un bacione a presto

    RispondiElimina
  10. Descrizione assolutamente reale: pensa a quando avrai un bimbo che baciandoti e abbracciandoti ovunque ti paserà ogni sorta di virus... ottimo toccasana questa zuppa rielaborata!!!!

    RispondiElimina
  11. MMMhh..il passaggio di virus da noi è un classico familiare!Vuoi che ti racconti dei pidocchi che vivono negli asili??No dai,non lo farò :>
    Ottima la zuppa cipollosa fatta così,io praticamente sbatto delle cipolle nel brodo e via sarà il caso che segua i tuoi consigli ^-^

    RispondiElimina
  12. Ciao Jeggy, spero che vi siate ripresi, ti abbraccio

    RispondiElimina
  13. Una zuppa da leccarsi i baffi! Buona! :)

    RispondiElimina