domenica 31 marzo 2013

Buona Pasqua

Anche per quest'anno Pasqua è arrivata, umida e piovosa come non mai, fredda e grigia come probabilmente non è mai stata negli ultimi 50 anni (così dicono). Nonostante questo è momento di festeggiamenti e grandi abbuffate. Quest'anno non ho avuto tempo di fare grandi cose e di dedicarmi alla cucina come avrei voluto ma la soddisfazione di preparare un bel dolce non poteva togliermela nessuno. Ma quale dolce preparare? La pastiera non fa parte della tradizione pasquale della mia famiglia, la colomba.....si, e chi ce l'ha il tempo e il coraggio di tentare??? Alla fine ho ripiegato, si fa per dire, su una crostata chiusa farcita con crema, ricotta e pinoli: non è una pastiera, non è una torta della nonna ma una specie di incrocio tra le due. Goduriosa! Il maschio alfa è da ieri sera che la guarda con occhi lussuriosi e da quando l'ha assaggiata credo che potrebbe decidere di lasciarmi per lei!
Di estremamente pasquale ha solo la quantità di uova, sia nella frolla che nella crema (la cui ricetta, per inciso, è di Montersino), che, anche se non si vedono, è decisamente abnorme, per la gioia di chi soffre di colesterolo!
Non mi resta che dire "Buona pasqua a chiunque passerà di qui oggi!"



CROSTATA CHIUSA con CREMA, RICOTTA e PINOLI

Per la frolla:
4 tuorli
400 g farina 00
240 g burro
160 g zucchero semolato
un pizzico di sale

Per il ripieno:
250 g ricotta vaccina
una manciata di pinoli
100 g di tuorli (pari a 5-6 tuorli)
13 g frumina
13 g amido di mais
100 g panna fresca
260 g latte
zucchero semolato
1 bustina di vanillina

Zucchero a velo

Impastare velocemente la farina e il burro freddo a pezzetti in modo da ottenere un composto sbriciolato. Unire i tuorli, uno alla volta, lo zucchero a velo e il sale impastando velocemente (magari aiutandosi con delle forchette per non riscaldare l'impasto). Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e farla riposare in frigorifero almeno 30 minuti.
Preparare la crema: montare con le fruste elettriche i tuorli e lo zucchero. Quando sono ben gonfi e chiari aggiungere anche l'amido e la frumina e continuare a montare un paio di minuti. In un pentolino scaldare fino all'ebollizione il latte, la panna e la vanillina, poi aggiungere il composto di tuorli mescolando. Far sobbollire il tutto alcuni minuti a fuoco bassissimo continuando a mescolare. Togliere dal fuoco il pentolino, coprire la crema con della pellicola e lasciare raffreddare. Quando la crema è fredda aggiungere i pinoli e la ricotta e mescolare bene.
Stendere 2/3 della pasta frolla tra due fogli di carta da forno e rivestirci il fondo e i bordi di uno stampo rotondo da 27 cm di diametro (sempre rivestito con carta da forno). Cuocere il guscio di frolla in forno preriscaldato a 180°C per 15 minuti. Lasciare raffreddare il gucio per alcuni minuti, poi farcire con il composto di crema, ricotta e pinoli. Stendere la restante pasta frolla, coprire la crostata farcita  e sigillarne bene i bordi. Rimettere tutto in forno a 180°C per 30-35 minuti. sfornare, lasciare raffreddare e cospargere con abbondante zucchero a velo. Servire a temperatura ambiente.
Buon appetito!


2 commenti:

  1. Ciao Jeggy, torta meravigliosa! ci credo che il maschietto la guarda (a quest'ora se la sarà già spazzolata!) Anch'io sono in ritardo, ma tanti auguri ugualmente. Vi aspetto, quando vorrete, bacioni

    RispondiElimina
  2. Dev'essere strepitosa, colesterolosa d'accordo, ma buonissima, ti è venuta anche bella bella, raffinata ed elegante, bravissima!!

    RispondiElimina