giovedì 12 aprile 2012

Debacle

Capita a tutti di fare il passo più lungo della gamba. Stavolta è stato il mio turno. Dopo un periodo particolarmente fortunato (in cucina), nello scorso weekend ho inanellato una sconfortante serie di debacle culinarie.
La più tragica, sabato sera, quando ho voluto organizzare una cena tra amici. Niente di formale, né di elaborato: una sorta di apericena seduta casalinga. Dato che una delle invitate era appena tornata da un viaggio a New York, e viste le continue insistenze di un altro amico (lo stesso della torta di noci) ho deciso di tentare di fare i bagel. La ricetta l'ho presa pari pari da un libro che mi è stato regalato, ma non avendo la planetaria ho dovuto impastare tutto a mano. Mi avevano avvertito che avrei dovuto usare olio di gomito, ma non immaginavo così tanto: una faticaccia incredibile! E mentre io mi aggiravo per la cucina, madida di sudore, tra una pentola di acqua in ebollizione e il forno acceso, il maschio alfa mi ha chiesto di accendere il riscaldamenteo perché aveva freddo!!! Avrei dovuto far impastare lui...
Comunque, dopo aver ferocemente impastato per una buona mezz'ora e aver fatto lievitare in forno tiepido per un paio d'ore, mi sembrava che la consistenza non fosse quella giusta, troppo dura. Ho iniziato a sagomare le ciambelline e l'operazione si è rivelata praticamente impossibile: la pasta era dura, poco umida e molto elastica...sembrava chewing gum! Sconsolata ho pensato: "Speriamo che non vengano fuori dei taralli giganti". Al momento di infornare sono riuscita a sagomare delle semi-ciambelle e il mio secondo pensiero è stato "Speriamo che siano almeno dei taralli giganti!"
Dopo 40 minuti di cottura ho sfornato queste "cose" abbrustolite, niente affatto soffici (anzi, potevano essere usati come armi contundenti) dall'aspetto tutt'altro che invitante: tutto sembravano tranne che dei bagel. Magari fossero stati dei taralli giganti! Fortunatamente ho degli amici fantastici che hanno trangugiato tutto senza lamentarsi, anzi! Riproverò con una ricetta diversa, per ora mi accontento di non aver avvelenato nessuno!
Quando mi sono resa contodella mancata riuscita dei bagel mi sono adoperata per preparare qualcosa di facile, veloce e commestibile e visto che avevo appena lessato dei ceci ho pensato di ripiegare su un delizioso hummus. Conoscevo già questa crema densa e saporita ma per la sua preparazione ero sempre andata un po' a caso. Stavolta ho seguito la ricetta presa dal libro "La citta che profuma di coriandolo e cannella", che fa venire voglia di andare a Damasco ad assaggiare un sacco di prelibatezze medio-orientali e di ascoltare le storie di tutti giorni a cui sono legate.
Almeno l'hummus mi è venuto bene ed è stato molto gradito!

Hummus


HUMMUS

Ingredienti:
250 g ceci secchi
2 cucchiai tahine
1 limone
3 spicchi aglio fresco
5 semi secchi di coriandolo
olio evo
prezzemolo fresco
semi di cumino
paprika
sale

Tenere i ceci a bagno in acqua per circa 12 ore, metterli in una pentola capiente con abbondante acqua fredda e far prendere il bollore, poi abbassare il fuoco al minimo e lasciare lessare per un paio d'ore circa (devono risultare teneri). Una volta cotti lasciare raffrreddare.
In un mortaio pestare un cucchiao raso di semi di cumino, i semi di coriandolo, gli spicchi d'aglio spezzettati (ho usato l'aglio fresco, che ha un sapore più delicato e ora è facilmente reperibile, ma va benissimo anche il solito aglio secco) e una generosa presa di sale, fino a ottenere una salsa densa. Frullare i ceci lessati e scolati con il succo del limone, un paio di cucchiai di olio evo, 2 cucchiai rasi di tahine e la salsa preparata: si deve ottenere una crema densa e non troppo liscia. Se la consistenza dovesse risultare troppo soda aggiungere anche qualche cucchaio di acqua di cottura dei ceci (io non ne ho avuto bisogno) e frullare ancora. Servire in una ciotola guarnito con paprika e prezzemolo tritato, accompagnato con crostini di pane tostato.
Buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest di Rosy sulle ricette straniere

6 commenti:

  1. Jeggy ti rubo la presentazione è fantastica!
    Io lo sbatto su una ciotola e via :(

    RispondiElimina
  2. p.s. e non mi sono mai cimentata con i bagels...

    RispondiElimina
  3. grazie per aver partecipato..datemi qualche giorno e decreterò il vincitore. baci :)

    RispondiElimina
  4. l'aspetto è invitante e mi incuriosisce molto..
    baci

    RispondiElimina
  5. Ciao carissima Jeggy, in debacle anche blogger allora? Prima di tutto il tuo pane ripieno è buonissimo, anche io faccio qualcosa di simile, li chiamo bruschini, proverò il tuo ripieno che sembra buonissimo. E per i bagel, io non ci provo nemmeno a farli... comunque anche a me è capitato di fare qualche mezza schifezza per una cena, anzi ti dirò una sera ho buttato tutto in spazzatura: immangiabili i tortini di riso, chissà cosa avevo combinato, per fortuna c'era un altro antipasto :) L'humus però è venuto proprio bene. Bacione buona domenica

    RispondiElimina
  6. ciao, potresti fornirmi il tuo indirizzo mail? vorrei omaggiare le partecipanti con una raccolta di ricette (quelle partecipanti al contest) questo è il mio indirizzo
    pasticciandoconrosy@gmail.com

    RispondiElimina